La Prestigiacomo promette “Accordi transattivi” anche alle industrie siciliane?

Priolo Gargallo

   

AMBIENTE-CULTURA-POLITICA-TURISMO-NEWS

   

priolo gargallo, priolo, salvo maccarrone, priolo, magnisi, thapsos, tapso, priolo gargallo, manomozza, basilica san foca, priolo

www.priolo.da.ru

  

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

         

 

 

 

SI VOGLIONO CONDONARE OLTRE 50 ANNI DI DISASTRI AMBIENTALI

 

 

 

PER NON DIMENTICARE

 

Condividi questa pagina

 

Sarebbe già pronto per il triangolo della morte Priolo, Augusta, Melilli, un colossale condono tombale/ambientale sui danni all’ambiente ed alla salute nelle aree industriali.

La Prestigiacomo promette “Accordi transattivi” anche alle industrie siciliane?

 

Il Ministro dell’Ambiente avrebbe pronto un decreto sugli “Accordi transattivi” con le industrie, fra cui quelle siciliane di Priolo e Gela, per cancellare in un sol colpo tutti i gravi disastri ambientali da esse causati.

Mentre, proprio lo scorso marzo, la Corte di giustizia europea ha prodotto una sentenza che stabilisce la responsabilità degli gli operatori del polo petrolchimico nell’inquinamento dei suoli e della rada di Augusta anche se non hanno commesso illeciti.

 

 

Tratterebbesi di un colossale condono tombale/ambientale sui danni all’ambiente ed alla salute nelle aree industriali. Le industrie interessate si starebbero confezionando all’uopo un “Protocollo Transattivo” che dovrebbe metterle al riparo da ogni contestazione. Questo protocollo potrebbe essere siglato a breve con il Ministero dell’Ambiente.


Nel caso Augusta, Priolo e Melilli l’Accordo di Programma Quadro, del giugno 2004 tra i Ministeri dell’Ambiente, dell’Economia e la Regione Siciliana prevedeva un costo complessivo dell’intervento di bonifica pari a 774 milioni di euro di cui 219,7 a carico dei privati. Per esempio, con l’applicazione degli Accordi Transattivi il Gruppo ERG, successore dell’Eni a Priolo, secondo quanto riportato nel “Parere Pro Veritate” reso alla ERG dal Prof. Avv. Vincenzo Roppo, il gruppo petrolifero di Riccardo Garrone se la dovrebbe poter cavare indennizzando 70-90 milioni di euro, niente, se si considera che talune fonti qualificate hanno quantificato il danno prodotto all’ambiente in non meno di 50 miliardi di euro.

 

Queste somme, per di più sarebbero dilazionate in 10 anni senza interessi e con la possibilità di effettuare compensazioni con eventuali investimenti di ERG MED sul sito inquinato. Così se Garrone, nell’arco di un decennio, fa risultare d’aver investito 90 milioni di euro in impianti ecologici non risarcisce più neanche un centesimo al Ministero dell’Ambiente.
 

Erasmo Venosi professore universitario di Fisica Nucleare ed ex Vice Presidente Commissione I.P.P.C. (Integrated Pollution Prevention and Control = AIA Autorizzazione Integrata Ambientale) del Ministero dell’Ambiente afferma che: “Appare evidente che nel nostro Paese, la politica considera l’ambiente un costo da scaricare sulle pubbliche finanze. I richiami alla sostenibilità, all’ambiente, alla economia verde, da parte della Prestigiacomo, sono vuote declamazioni che si scontrano con un potere legislativo che approva norme, la cui ambivalenza e scarsa comprensibilità, determinano le condizioni atte all’assolvimento degli inquinatori”.


Purtroppo quanto si paventa si è già verificato in un recente passato: inquinamento da mercurio dell’impianto cloro-soda (Syndial). Chiuso con 15 milioni di euro di risarcimento a titolo di “ristoro per le famiglie” di 155 bambini malformati e senza nessuna condanna nonostante la flagranza di reato.
Intanto nel triangolo industriale siracusano ancora oggi non si contano i nati malformati, i morti per tumore e le malattie professionali.


 

Come siracusani pensavamo di essere ambientalmente protetti avendo per Ministro la siracusana Prestigiacomo che di industria se ne intende, essendo socio, come sostiene il Fatto Quotidiano di giovedì 11 novembre 2010, della holding Fincoe che controlla Coemi e Vetroresina Engineering Development, società attive nel settore chimico. Evidentemente ci sbagliavamo di grosso considerato che in tale provvedimento si potrebbero ravvedere chiari conflitti d’interessi.
Stavamo sicuramente sognando, avendo dimenticato per un istante che la ministra è la stessa che si è battuta per avere il termovalorizzatore ad Augusta ed il rigassificatore a Melilli, non tenendo in assoluta considerazione la pericolosità ed i rischi dell’area industriale per quanto riguarda salute e sicurezza delle popolazioni residenti.


Comunicato di AugustAmbiente e Decontaminazione Sicilia del 20.11.20010

 

 
 

 

 

© 2001-2010 Salvo Maccarrone
 
 
www.maccarrone.da.ru - priolo.altervista.org - www.priolo.da.ru

TRIANGOLO INDUSTRIALE PRIOLO, AUGUSTA, MELILLI

DA BLACK-OUT IN BLACK-OUT

 

BOTTO ERG NORD

2-3 settembre 2010

 

BOTTO ESSO AUGUSTA

18 luglio 2010

 

 

BOTTO ERG SUD

13 ottobre 2008

Botto Erg del 13 ottobre 2008

 

 

 

NO all'anonimato

No all'anonimato su www.maccarrone.da.ru

 

scriptModuliRicerfca

 

LE PRIME PAGINE  di alcuni tra i maggiori quotidiani nazionali

La Repubblica

La Stampa

Corriere della Sera

Corriere dello Sport

Liberazione

 

 

 

 

/